ECCO COME IN TIBET L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE SALVAGUARDIA I TESTI ANTICHI

Oltre 18.000 preziosi libri antichi scritti in tibetano sono stati archiviati per futuri studi e protezione nell’ambito di un sondaggio generale decennale nella Regione Autonoma del Tibet, nella Cina sud-occidentale. Tra i libri archiviati, 291 sono stati selezionati per l’inclusione nell’elenco di preziosi libri antichi dello Stato. Sono stati inoltre pubblicati una dozzina di volumi sui risultati dell’iniziativa.

La Cina conserva centinaia di migliaia di opere di letteratura tibetana antica, con oltre la metà delle quali raccolte in oltre 1.300 templi, monasteri e biblioteche, musei e archivi in tutto il Tibet. Nel 2009, nell’ambito del programma di protezione della letteratura cinese antica, il Tibet ha lanciato un’indagine generale sui suoi libri antichi. Il personale del centro di protezione della letteratura antica della Regione Autonoma ha visitato quasi tutti i siti di raccolta in tutto il Tibet nel corso degli ultimi 10 anni. “Durante il sondaggio abbiamo lavorato a stretto contatto con oltre 1.200 siti di raccolta e diverse migliaia di collezionisti”, ha dichiarato Penpa Tsering, Vicedirettore del centro. Tenzin Guyzang gestisce un tempio a Xigaze. Invece del vecchio modo di preservare i libri antichi accatastandoli in scaffali, nascosti alla vista, i libri di pagine preziosamente decorate con l’indaco e personaggi miniati con dorature sono ordinatamente etichettati ed esposti in vetrine.

Ha detto che la preziosa collezione di letteratura, oltre 40 opere in totale, ora ha il proprio unico “ID” che contraddistingue ogni tomo, che a sua volta è registrato nel database nazionale di letteratura antica. “La maggior parte dei volumi è stata donata da collezionisti privati negli ultimi dieci anni. Ora, sotto la guida di esperti, sono effettivamente protetti”, ha detto il monaco 53enne. Nel giugno 2013, Nyishar, un esperto del centro, ha ricevuto una telefonata dicendo che un gran numero di libri antichi erano sull’orlo della distruzione in una cappella fatiscente in un villaggio sotto Gyirong, una contea al confine tra Cina e Nepal.

Il villaggio non aveva strade, elettricità o cavi ottici che lo collegassero con il mondo esterno e si prevedeva una forte nevicata, che lo avrebbe condannato all’isolamento fino alla primavera successiva. Nyishar corse contro il tempo per raggiungere il villaggio. Con l’aiuto degli abitanti dei villaggi locali, ha archiviato e restaurato tutti i 270 libri, ciascuno con oltre 500 pagine, in soli 16 giorni. Disse che i libri erano estremamente delicati e contenevano grandi quantità di informazioni sulla società, l’economia, la cultura e le usanze popolari dal XII al XIV secolo.

Nel 2016 il governo regionale ha stanziato 400.000 yuan (circa 56.000 dollari USA) per costruire la prima stazione di protezione dei libri antichi del Tibet nel villaggio. Negli ultimi dieci anni i governi centrali e locali hanno investito oltre 10 milioni di yuan nella protezione dei libri antichi in Tibet. Oltre ai 18.000 libri archiviati e quasi 3.000 pagine restaurate, 14 siti di raccolta locali sono stati rinnovati e sono state costruite due stazioni di protezione. Penpa Tsering ha sviluppato uno standard digitale per la letteratura tibetana antica in modo da poter costruire un database a beneficio dell’intera società.

Facebook Comments