RE GESAR RINASCE E LA SUA EPOPEA APPRODA A SCUOLA

  • by Stefano V
  • |
  • 16 Dic 2020
  • |

Per secoli, Re Gesar è stato un nome noto alla maggior parte dei Tibetani sin dalla loro infanzia, poiché gli artisti popolari hanno raccontato e cantato storie del leggendario eroe dell’XI secolo che ha combattuto i malvagi e ha aiutato i deboli. Alcuni chiamano l’epopea del Re Gesar “L’Iliade d’Oriente”, ma si ritiene che sia decisamente più lunga dell’opera di Omero. Ed ora questa epopea tradizionale, spina dorsale della cultura tibetana, rivive ed approda nelle scuole, grazie anche ad un progetto scolastico.

Elencato come patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO nel 2009, l’epopea è stata tramandata oralmente da cantanti, pastori e agricoltori di province e regioni tra cui Qinghai, Tibet e Mongolia Interna. “La gente crede che i bambini tibetani possano cantare non appena possono parlare e ballare non appena possono camminare”, ha detto Karma Tsering, vice capo della scuola elementare n. 2 Minzu Wanquan nella Contea di Zaduo, Prefettura autonoma tibetana di Yushu, Cina nord-occidentale Provincia di Qinghai.

“Molti bambini qui conoscono le storie di Re Gesar e non vogliamo sprecare i loro talenti”, ha detto. Per preservare la tradizione orale sbiadita, la scuola ha istituito una classe extracurriculare nel 2016 incentrata sull’apprendimento dell’epopea di Re Gesar. “Le lezioni si aprono a mezzogiorno ogni lunedì, mercoledì e venerdì così come ogni mercoledì e giovedì pomeriggio, ciascuna per circa 40 minuti”, ha detto Pokatsung, l’insegnante responsabile della classe.

“Ora ci sono più di 100 studenti che si sono iscritti alla classe. Molti di loro sono estremamente talentuosi, come se fossero nati con il dono di raccontare e cantare le storie di Re Gesar”, ha detto. Re Gesar è il personaggio che Yitse, alunno di prima media, interpreta maggiormente. “Lo adoro. È saggio e coraggioso.” Il sogno del ragazzo tibetano è quello di essere un artista folk che racconta le storie dell’eroe in futuro.

“Prima che iniziassi la scuola, mio padre ha letto a me e ai miei due fratelli alcune storie su Re Gesar. Ero molto interessato, quindi non appena ho saputo che la mia scuola stava offrendo la classe mi sono iscritto”, ha detto. “Non perdo mai una lezione e mi alleno nel tempo libero”, ha detto Yitse. “È difficile, ma come tTbetano, ho la responsabilità di tramandare la nostra cultura e raccontare le storie di Re Cesar a più persone. “Avendo offerto la classe per quattro anni, abbiamo accompagnato più di 100 partecipanti a conseguire il diploma finale”, ha detto Liu Zhengjun, segretario del partito della scuola. “Pur ereditando la cultura tibetana, questa classe speciale è anche di grande significato educativo per gli studenti, poiché le storie di Re Gesar coinvolgono argomenti significativi come la protezione ambientale”, ha detto Liu.

Facebook Comments