PRIMAVERA IN TIBET? ECCO PERCHE’ VALE LA PENA ANDARCI

  • by Stefano V
  • |
  • 22 Mar 2021
  • |

Uno dei periodi più belli per visitare lo Xizang è proprio la primavera per i turisti che visitano il Tibet, soprattutto per gli amanti del trekking e delle escursioni. La primavera tibetana è relativamente breve – da marzo a maggio – ed arriva immediatamente prima la stagione dei monsoni. Il clima, benché ancora pungente ad alcune altitudini, è decisamente più mite rispetto all’inverno ed il tutto è accompagnato da cieli limpidi e cristallini.

Mentre il ghiaccio e la neve invernali si sciolgono, le strade della regione diventano sgombre, pronte per l’afflusso di turisti, rendendo i viaggi fuori Lhasa sicuramente più piacevoli.  più possibile e molto più piacevole. Mentre i freddi inverni volgono al termine, le nevi che si sciolgono lasciano la regione nuda e pallida, e la rinnovata speranza di una nuova vita inizia a prendere piede nelle aree nude e talvolta aride del Tibet. Quando i fiori iniziano a sbocciare, dimostrando che la primavera è davvero arrivata, tutto prende vita e si prepara per la stagione delle piogge, quando l’altopiano diventa rigoglioso e verde con una nuova crescita.

 

I TRE MESI DELLA PRIMAVERA

 

Marzo è in qualche modo l’anticamera della primavera tibetana. Nonostante le temperature siano ancora vicine allo zero in molti luoghi, lo sbocciare dei primi fiori anche nelle aree più aride e brulle dello Xizang, così come il tempo soleggiato in un cielo limpido, danno più una sensazione di primavera piuttosto che di inverno. Le temperature a marzo si aggirano intorno ai 12 gradi durante il giorno, ma possono anche scendere sotto lo zero di notte, quindi è ancora necessario un abbigliamento caldo di alta montagna, come sempre in Tibet. Inoltre piove molto poco nel mese di marzo e quasi tutte le giornate sono luminose e serene.

 

©Raimond Klavins

 

E’ nel mese di aprile che la primavera sboccia realmente. La  temperatura media diurna si aggira intorno ai 16-18 gradi con massime che toccano intorno ai 22 gradi. Tuttavia, le notti possono ancora essere un pò fredde, scendendo fino a -1 gradi in molti luoghi della regione. Le precipitazioni medie sono un po ‘più alte che a marzo, anche se la maggior parte delle giornate sono ancora limpide e luminose senza pioggia. Aprile è altresì uno dei mesi migliori per visitare i picchi del Tetto del Mondo come il campo base dell’Everest o il Monte Kailash. Il cielo terso, l’assenza di precipitazioni – e di ghiacci –  è ottimale per vedere e fotografare le montagne e per percorrere la via della kora attorno al sacro Monte Kailash. Anche a Lhasa il mese di aprile è ottimale per le escursioni, con una temperatura media di circa 10 gradi durante il giorno.

 

©Raimond Klavins

 

Maggio rappresenta la fine della stagione primaverile e uno dei mesi migliori per viaggiare in questa regione, indipendentemente da dove si è diretti. Il sole splendente e il clima secco prevalgono in tutta la regione, con poca pioggia nelle zone di bassa quota e quasi nessuna in montagna. La maggior parte della vegetazione si staglia alta nelle praterie e diventa sempre più verde giorno dopo giorno con il progressivo avvicinarsi dei monsoni estivi.  In questo periodo non è inusuale vedere pastori intenti ad allevare mandrie di yak tra le verdi praterie del Tetto del mondo.

Le temperature del Tibet a maggio sono le più alte della stagione, raggiungendo anche i 27 gradi in alcune specifiche zone, con una media massima di circa 20 gradi in tutta la regione. In media, la minima si aggira intorno ai 6 gradi, anche se ci sono ancora alcune aree in cui può scendere a solo 1 o 2 gradi di notte. Ma attenzione, munitevi di una buona crema solare. Nelle zone più alte del Tibet infatti l’atmosfera più sottile rispetto che a valle consente un maggiore passaggio di raggi UV

 

DA LHASA A NYINGCHI: LA PRIMAVERA PORTA FIORI DI PESCO

 

La primavera a Lhasa è il momento in cui la città prende davvero vita. Dopo che il freddo dell’inverno è passato e il sole è più caldo e luminoso, la città respira una nuova vita e i principali hotspot turistici sono pronti ad accogliere i visitatori. All’inizio della stagione turistica in Tibet, la primavera porta ogni giorno migliaia di turisti nella capitale tibetana e le strade si affollano di persone che si godono il caldo sole e rimangono a bocca aperta davanti alla pura bellezza e maestosità di questa incredibile città. Nonostante la città risulti ancora fredda, la primavera è uno dei periodi migliori per visitare questa città, proprio perché non ci sono ancora molti turisti rispetto ai mesi estivi, ed è così possibile godere quasi in solitaria delle bellezze architettoniche del simbolo per eccellenza dello Xizang e della sua cultura.

 

 

E per gli amanti della natura? Nessun problema, basta esplorare la prefettura di Nyingchi, a est di Lhasa. Questa zona a bassa quota del Tibet è famosa in tutta la Cina sin dai tempi antichi, per i suoi meravigliosi fiori di pesco che riempiono le colline e le valli di questo piccolo angolo del Tibet dalla metà di marzo alla fine di aprile. Immaginate una valle totalmente ricoperta di bianco! Ma attenzione, questo candore è dato dai fiori e non dalla neve! In tutta l’area, migliaia di alberi di pesco si riempiono di spettacolari fioriture di rosa e bianco, diramandosi per tutte le valli e colline di Nyingchi, tanto che gli abitanti del luogo festeggiano questa rinascita primaverile con il Nyingchi Peach Blossom Festival, una festa che si tiene normalmente ad aprile e dura per la maggior parte del mese, con diverse piccole celebrazioni di festival nelle diverse aree della prefettura.

I festival includono comunemente concorsi fotografici, per vedere chi può scattare la foto più sorprendente e sbalorditiva dei fiori di pesco locali, con molti che usano i fondali delle montagne ancora innevate e ruscelli spumeggianti in primo piano. Se riesci ad avere la possibilità di arrivare a Nyingchi ad aprile, allora questo è il momento migliore di qualsiasi viaggio in Tibet in primavera.

 

EVEREST, QUI CAMPO BASE!

 

Nell’ovest del Tibet si trova anche la bellissima città di Shigatse, la quale confina direttamente con la montagna regina del Tibet: L’Everest. La vetta più alta del mondo è un luogo popolare da visitare nei mesi primaverili di aprile e maggio, consentendo anche una migliore visuale della vetta. Inoltre raggiungere il campo base dell’Everest in primavera è più facile che in inverno e le strade sono ora prive di neve caduta, sebbene il campo base stesso possa ancora avere un po ‘di neve all’inizio della primavera.

 

©Howling Red

 

Shigatse è quindi la “base operativa” non solo per chi si reca a ovest per visitare il Monte Everest, ma anche per molte altre escursioni. La città è il fulcro della rete stradale che collega Lhasa con il Nepal e la prefettura nord-occidentale di Ngari, in cui si trova il sacro Monte Kailash, dove è comunque possibile ammirare il sentiero per la kora, senza contare che proprio nei pressi di Shigatse è altresì possible ammirare non solo la straordinaria bellezza – e maestosità – del ghiacciaio Rongbuk, ma anche i tantissimi monasteri e templi che si possono trovare nella zona.

 

 

Facebook Comments